Come scrivere un blog post: le 5 fasi

Come scrivere un blog post

agosto 30, 2017 • content marketing • Views: 141



Per molti scrivere un blog post è un gioco da ragazzi.

“Che ci vuole? Se ti piace scrivere e sai scrivere bene il gioco è fatto!”

Beh, se lo stai pensando anche tu lascia che ti mostri come realmente stanno le cose

Se chiedessi a un blogger di successo di spiegarti come crea i sui contenuti sono sicuro che tirerà fuori un processo step-by-step molto simile a quello che ti illustrerò in questo articolo.

Ecco le 5 fasi in cui si articola la creazione dei miei contenuti per il blog.

Nel mezzo dell’articolo troverai un’infografica che riassume i concetti principali.

Sei pronto per prendere appunti? Allora cominciamo!

ISPIRAZIONE

Scrivere un blog post: ispirazione

TROVA L’ARGOMENTO

Spesso quando si pensa alla creazione di un blog post ci si sofferma solo sulla scrittura dell’articolo.

“Beh quanto mai ci vorrà per scrivere un blog post di 500-600 parole?” direbbe qualcuno poco competente.

In realtà esiste una fase iniziale che porta via molto tempo: la fase di ispirazione.

“Cosa scrivo nel mio prossimo post?” è la domanda che più assilla un blogger.

Infatti non puoi scrivere la prima cosa che ti passa per la testa.

In un blog post non puoi scrivere la prima cosa che ti passa per la testa! Condividi il Tweet

Devi scegliere un argomento:

  • utile al tuo pubblico
  • che faccia crescere la tua autorevolezza
  • che incentivi la discussione

Per aiutarmi in questo processo chiave della creazione di contenuti personalmente utilizzo 8 strumenti utili.

A questo punto il passo successivo sarà quello di identificare le parole più significative in relazione all’argomento scelto: le cosiddette parole chiave.

TROVA LE PAROLE CHIAVE

Le parole chiave (o keywords) sono singole parole o gruppi di parole che sintetizzano o esprimono al meglio l’argomento del blog post.

Si tratta di quelle parole che renderanno visibile il tuo articolo in una ricerca su Google.

Ti faccio un esempio per capire bene il concetto.

Immagina di voler scrivere un blog post intitolato “Come promuovere un blog post su Facebook”.

Alcune possibili parole chiave potrebbero essere:

  • “promuovere un blog post”
  • “promuovere un blog”
  • “come promuovere un blog post”
  • “come promuovere un blog”

Come vedi queste parole chiariscono perfettamente quale sia il contenuto.

Tra le possibili parole chiave dovrai scegliere quelle più efficaci. Esistono diversi strumenti che ti aiutano in questa fase: quello che preferisco è SEOZOOM.

SCEGLI IL TITOLO

Il passo successivo è la scelta del titolo.

Non sottovalutare mai questo aspetto. Puoi aver scritto il miglior post in assoluto ma senza un buon titolo, pochi lo leggeranno.

Il titolo infatti è “il biglietto da visita” di un post.

Il titolo è il biglietto da visita di un blog post Condividi il Tweet

Per essere sicuro di usare un titolo efficace devi seguire alcuni principi guida.

Ho scritto un articolo in 2 parti che prende in considerazione 8 principi.

Ogni volta che devi scegliere il titolo di un post assicurati di applicarne almeno 2 o 3.

SCEGLI I SOTTOTITOLI

Suddividi il tuo post in sottoargomenti di modo che il lettore possa scorrere a colpo d’occhio il contenuto.

Bene o male ai sottotitoli puoi applicare gli stessi principi guida che abbiamo visto con i titoli.

Il sottotitolo è un “biglietto da visita” per la singola sezione del tuo post.

Passiamo ora alla seconda fase della creazione di un blog post. Sei pronto?

Proseguiamo!

SCRITTURA

Scrivere un blog post: scrittura

EVITA LE DISTRAZIONI

Eccoci arrivati alla seconda fase: la scrittura vera e propria dell’articolo.

Esistono alcuni accorgimenti per velocizzare questo processo in modo da riuscire a pubblicare più di un post al mese.

Uno di questi consiste nell’eliminare le distrazioni.

Quando si scrive un post sono diverse le cause di perdita di concentrazione:

  • altre applicazioni aperte in contemporanea sul pc
  • la notifica di un nuovo messaggio email
  • nuove notifiche di aggiornamenti sui social

Non esiste un metodo universale per eliminare le distrazioni. Devi esaminare il tuo caso specifico e capire cosa evitare per essere più concentrato.

Anche scrivere un blog post direttamente su WordPress potrebbe risultare una distrazione.

Mentre scrivi il testo potresti essere tentato di:

  • modificare la formattazione
  • andare a cercare l’URL di un link da inserire
  • ricercare su Pixabay un’immagine da usare nel post

Tutti aspetti utili e necessari… ma di secondaria importanza.

E’ molto meglio prima scrivere un blog post per intero e poi pensare agli aspetti secondari, non credi?

NON TORNARE INDIETRO

Un’altra tentazione comune quando si scrive un blog post è quella di tornare a rileggere quanto si è scritto a ogni paragrafo.

E’ vero, rileggere il testo è fondamentale per

  • correggere errori di ortografia
  • verificare se la lettura dei paragrafi scorre bene
  • assicurarsi di non aver dimenticato nulla

Tuttavia è meglio farlo in un secondo tempo.

Quando scrivi un post resisti alla tentazione di rileggere daccapo ogni paragrafo! Condividi il Tweet

Se vuoi scrivere un blog post più velocemente ed evitare di bloccarti e perdere del tempo prezioso, scrivi l’articolo per intero, senza tornare indietro.

OTTIMIZZA IL TEMPO

Un aspetto da valutare quando ci si mette a scrivere un blog post è scegliere il momento giusto.

Quando ti senti più concentrato e produttivo? La mattina presto? La sera tardi? Ognuno ha le sue preferenze.

Tienine conto se vuoi evitare la frustrazione di rimanere davanti allo schermo bianco per ore!

Scegli il momento migliore per scrivere un blog post Condividi il Tweet

A questo punto hai completato la scrittura del tuo blog post! Ma il lavoro non è finito…

Passiamo alla terza fase. Mi stai seguendo?

Prima di andare avanti ora aspetta un momento. Qui sotto trovi l’infografica che riassume le 5 fasi che stiamo trattando. Puoi scaricarla e tenerla sotto mano.

Download the PDF file .

Ora possiamo andare avanti…

REVISIONE

Scrivere un blog post: revisione

CORREGGI GLI ERRORI

Eccoci arrivati alla terza fase della creazione di un blog post: la revisione dell’articolo.

La soddisfazione di aver creato un nuovo contenuti potrebbe spingerti a pubblicarlo immediatamente, ma resisti alla tentazione!

Ci sono alcune modifiche e miglioramenti da apportare se vuoi assicurarti che il post sia pronto per essere visibile al pubblico.

Una prima azione da fare è correggere eventuali errori di ortografia.

Una è non accentata, un punto mancante o una lettera fuori posto non sai quale danno possono fare alla tua immagine o autorevolezza.

Ci sono poi dei veri e propri sciacalli del web pronti a puntare il dito quando trovano un errore di ortografia. E non hai poi tutti i torti!

ELIMINA IL SUPERFLUO

Rileggere il testo è fondamentale anche per un altro motivo: trovare le parole e le frasi superflue ed eliminarle.

La seconda volta che rileggi un testo ti accorgerai di essere stato poco chiaro, di aver fatto troppi giri di parole, o di aver inserito troppi avverbi.

Prova a condensare e semplificare i concetti. Quel che più conta in un blog post sono i contenuti, non la forma!

Quando scrivi un blog post condensa le frasi e semplifica i concetti Condividi il Tweet

FORMATTA I PARAGRAFI

Una volta perfezionato il testo è arrivato il momento di inserire la formattazione:

  • evidenziare parole chiave e frasi importanti con il grassetto o il corsivo
  • dividere i paragrafi troppo lunghi
  • attribuire il tag giusto a titoli e sottotitoli (H1, H2, …)

La formattazione è indispensabile per rendere il testo più leggibile, per evidenziare i concetti fondamentali ed evitare che il lettore scappi via a gambe levate dal tuo blog per non tornare mai più.

Ora segue la quarta fase. Tutto chiaro fin qui?

Proseguiamo!

INTEGRAZIONE

SCEGLI LE IMMAGINI

La quarta fase della creazione del blog consiste nell’inserire in un post ulteriori elementi diversi dal testo.

Un elemento che non può mancare sono le immagini.

Scegliendo bene le immagini e personalizzandole:

  • darai un aspetto più professionale al tuo blog
  • attirerai maggiormente l’attenzione del lettore
  • renderai il tuo blog più attraente

Se ti interessa conoscere 4 applicazioni che possono aiutarti a creare immagini strepitose per il tuo blog puoi approfondire con questo articolo.

INSERISCI LINK

Un altro elemento che caratterizza ogni post sono i link: sia quelli in entrata (inbound link) che quelli in uscita (outbound link).

I link in entrata servono per guidare il lettore attraverso i contenuti del blog, indirizzandoli verso le pagine che interessano.

Trova il modo in ogni nuovo post di richiamare alcuni articoli meno recenti inerenti all’argomento. Proprio come ho fatto in questo articolo!

I link in uscita servono per offrire approfondimenti sull’argomento che esulano un po’ dalle tue competenze e dall’argomento generale del blog.

Facciamo un esempio.

Se gestisci blog di una casa vacanze potresti inserire dei link relativi a siti di luoghi di interesse (es. parchi acquatici, terme, ecc…)

Tieni conto che oltre ad essere utile ai tuoi lettori sarai premiato anche dai motori di ricerca.

Blog post: i motori di ricerca premiano i link in uscita Condividi il Tweet

INSERISCI I CLICKTOTWEET

Un altro elemento che uso spesso nei miei blog post sono i ClicktoTweet.

Li conosci?

Se ci hai fatto caso li ho inseriti anche in questo articolo: sono quelle frasi cliccabili all’interno dell’articolo che permettono di inviare un tweet con un semplice click.

Ti segnalo un articolo ben fatto di Roberto Iacono che spiega come usarli in maniera intelligente.

INSERISCI UNA CALL-TO-ACTION

Ma l’elemento che più non deve mancare in ogni blog post è la Call-to-Action!

Perché scrivi un post? Perché gestisci un blog?

Vuoi pubblicizzarti? Vuoi fare personal branding? Vuoi essere autorevole? Vuoi vendere prodotti o servizi?

Indipendentemente dal tuo obiettivo devi richiamare il lettore all’azione, altrimenti si limiterà a leggere il post.

Creazione di un blog post: ricordati di richiamare il lettore all’azione Condividi il Tweet

Una buona prassi a mio avviso è inserire sempre un riquadro in fondo all’articolo prima dei commenti che induca il lettore a compiere l’azione voluta, per esempio:

  • scaricare un’ebook-gratuito
  • inserire un commento
  • condividere l’articolo
  • richiedere un preventivo

In questo modo ogni blog post può diventare il trampolino di lancio per nuove opportunità di business.

E finalmente siamo giunti alla quinta e ultima fase della creazione di un blog post.

PUBBLICAZIONE

Scrivere un blog post: pubblicazione

Se sei arrivato a questo punto potrai pubblicare il tuo blog post, sicuro di non aver dimenticato nulla.

Allora… hai visto quanto lavoro c’è dietro alla creazione dei contenuti?

Creazione di un blog post: quanto lavoro c’è dietro? Condividi il Tweet

Te lo aspettavi?

Ricapitoliamo insieme le cinque fasi:

  1. Ispirazione
  2. Scrittura
  3. Revisione
  4. Integrazione
  5. Pubblicazione

La mia preferita è la n. 2 e la tua? Scrivimi un commento qui sotto.

Tags: ,