Titoli per blog: 8 Modi per migliorarli e aumentare le visualizzazioni (parte 2)

Titoli per blog: 8 modi per migliorarli e aumentare le visualizzazioni (parte 2)

ottobre 21, 2016 • Copywriting • Views: 218

Come promesso nella prima parte di questo articolo, ti spiegherò ora altri 4 modi che uso personalmente per migliorare i titoli dei miei post. Se ti sei perso i primi 4 ti consiglio di andarli a scoprire prima di proseguire.

Curare con attenzione i titoli dei propri post è fondamentale se vuoi che il tuo blog abbia successo. Ricorda sempre: anche i contenuti migliori, senza un buon titolo, non saranno letti da nessuno.

Se non sai cosa rende un titolo efficace, allora questo articolo, insieme al precedente, è proprio quello che cerchi, quindi prenditi qualche minuto, chiudi i social, non rispondere al telefono e leggilo con attenzione, non te ne pentirai! Alla fine di questo articolo, se ancora non l’hai vista, troverai un’infografica con 23 titoli pronti che puoi usare subito.

Ma ora veniamo a noi.

Sei pronto? Iniziamo!

Escludi una sfida comune

Parliamo ora di un altro serio ostacolo che trattiene i visitatori dal leggere un tuo post.

Qualunque sia l’argomento del post, non sarai l’unico a trattarlo. E non puoi certo credere che un visitatore abbia il tempo e la voglia di leggerli tutti, anche se l’argomento lo interessa. Che ne sia consapevole o no ogni lettore farà una scelta.

Quali sono gli articoli che escluderà a priori? Pensaci un attimo… Scarterà sicuramente quegli articoli semplicistici, che danno l’impressione di dare una soluzione veloce senza grandi sforzi!

Dunque per andare incontro alle esigenze del lettore e offrire un vero beneficio non serve nascondere i problemi o le sfide. “Non è tutto rosa e fiori!” è il lettore lo sa bene. Quindi sii onesto e parla delle sfide che il lettore incontrerà nel conseguire il suo obiettivo, e soprattutto digli come superarle.

Sii onesto con i lettori... sanno che non è tutto rosa e fiori! Condividi il Tweet

E ricorda, stiamo parlando dei titoli di un post, dunque un modo per migliorare un titolo è quello di citare una sfida comune… e cioe?

Fai un elenco di sfide o ostacoli che il lettore incontrerà, prendi quella più grande o che è comune alla maggioranza delle persone che si pongono il suo stesso obiettivo, e fai capire che la soluzione che offri nel tuo post ne tiene conto.

In questo modo il lettore penserà di aver trovato proprio quello che cerca, e il tuo post sarà sicuramente fra quelli che leggerà.

escludi una sfida comune

Sii preciso e quantifica

Arriviamo ad un punto tanto riconosciuto quanto controverso: i numeri nei titoli funzionano!

Se sei curioso di sapere perché, leggiti questo post di Riccardo Esposito, è fatto molto bene.

Alt! Non voglio dirti di inserire un numero in ogni titolo… ce qualcuno che lo fa! Ogni strategia, se abusata, perde di efficacia.

I numeri nei titoli funzionano... sì ma non esageriamo! Condividi il Tweet

Tuttavia non si può negare che inserire dei numeri nei titoli può dare buoni risultati. Quindi non puoi tralasciare del tutto questo aspetto nell’ottimizzare i tuoi titoli.

inserisci numeri nei titoli

Pensa di aver scelto come titolo “Le 10 migliori strategie per pianificare un post”. Cosa potrebbe comunicare al visitatore?

Può indicare che hai conoscenze approfondite sull’argomento, hai imparato moltissime strategie diverse, le hai provate in prima persona e hai selezionato solo quelle che danno migliori risultati. E il visitatore penserà: questo la sa’ lunga, fammi un po’ vedere cosa dice. E… bingo! Hai trovato un nuovo lettore.

Oppure prendi per esempio questo titolo: “Come creare un sito web in 5 passi”. In questo caso il numero ha un ruolo fondamentale in quanto serve a strutturare il tuo articolo come una guida passo-passo, e i lettori che cercano soluzioni amano questo tipo di contenuti.

Inoltre, se il numero è basso (come in questo caso il 5) può trasmettere al visitatore che la soluzione che offri è semplice da mettere in pratica e contiene solo ciò che serve (ovviamente deve essere vero… se per creare un sito web per esempio i passi sono 7 non puoi dire che sono 5!).

Un altro tipo di numeri che puoi usare nei titoli sono le percentuali. Anche in questo caso usare una percentuale quantifica in maniera esatta i tuoi dati.

“Le strategie usate dalla maggior parte dei blogger professionisti” è diverso da “Le strategie usate dal 99% dei blogger professionisti”, non credi? E’ ovvio che le percentuali devono essere veritiere e tratte da fonti autorevoli. Magari puoi inserire uno screenshot con un grafico per dare più autorevolezza.

Trasmetti l’idea di insegnare

Quando un visitatore decide se leggere o meno un post tende a scartare quelli che a prima vista non danno valore aggiunto. Per dirla in parole povere ognuno di noi prima di dedicare del tempo a leggere un post si chiede: imparerò qualcosa di nuovo da questo articolo? Oppure si limita a rigirare la stessa minestra?

trasmetti l'idea di insegnare

Il tempo è la risorsa più preziosa che abbiamo, e a nessuno di noi piace sprecarlo. Dunque pur trattando lo stesso argomento di altri blogger devi sempre cercare di dare al lettore qualcosa in più. Solo così il tuo articolo varrà il tempo di leggerlo.

E ovviamente anche in questo non basta un buon contenuto! Già dal titolo il visitatore deve capire che il tuo post ha una marcia in più.

Il tuo post sarà letto solo se dà valore aggiunto! Condividi il Tweet

Non esiste un solo metodo per trasmettere questa idea e qui entra in gioco la creatività di un blogger, la sua personalità, il suo estro.

Eccoti però alcuni suggerimenti che ti possono essere utili.

Un post può dare valore aggiunto quando:

  • trasmette conoscenze più dettagliate e approfondite. Analizza attentamente i post dei tuoi concorrenti. Hanno tralasciato qualcosa? Fornisci allora qualche dettaglio in più e inseriscine un riferimento nel titolo.
  • non si limita a fornire informazioni teoriche ma offre soluzioni pratiche. Sii il più pratico possibile. Ai lettori piace trovare soluzioni comprensibili e facilmente attuabili. Usa esempi reali, immagini esplicative, video tutorial… e tutto quello che ti può essere utile per far emergere il tuo post rispetto alla concorrenza. Poi nel titolo usa parole chiave come “guida passo-passo”, “guida pratica”, “esempi reali”, “case-study”…
  • l’autore non si pone su un piedistallo. Puoi essere anche il maggior esperto nella tua nicchia ma se ti mostri orgoglioso e superbo attirerai soltanto le antipatie dei lettori. Dunque nel titolo cerca ogni tanto di inserire una base comune con i tuoi visitatori.

Ecco alcuni esempi: “La checklist che uso per validare ogni mio post”, “I 3 più clamorosi errori di un imprenditore che anche io ho commesso”, “Il segreto per aumentare gli iscritti che ho scoperto dopo numerosi fallimenti…”

Suscita curiosità

Chi di noi può dire di non essere curioso? Da quando siamo bambini facciamo domande e cerchiamo risposte.

suscita curiosità nei titoli

E quando la nostra curiosità viene stuzzicata… beh è difficile non andarle dietro!

Quando la curiosità viene stuzzicata... è difficile non andarle dietro! Condividi il Tweet

Riesci ad intravedere come questo si collega alla scelta del titolo di un post? Immagino che ci sei già arrivato: se riesci ad inserire nel titolo un elemento che suscita curiosità è quasi automatico che il visitatore leggerà il tuo post.

Ma come si fa a suscitare curiosità? Beh anche qui non ci sono formule segrete ma posso suggerirti alcune linee guida.

  • poni il visitatore in una posizione sfavorevole rispetto ai concorrenti. Fai capire che nel tuo post parlerai di qualcosa che lui ignora ma che la maggioranza degli esperti di quella nicchia conosce molto bene. Il visitatore sarà colpito nel suo orgoglio e siccome anche lui vuole essere un esperto non potrà fare a meno di scoprire quale tassello gli manca!

Esempi: 5 cose che dovresti sapere e che solo i migliori blogger conoscono
Non conosci questi 5 segreti? Allora non sei un vero blogger!

  • fai percepire al visitatore che nel tuo post sveli strategie vincenti. Un modo molto efficace è quello di citare personaggi conosciuti nella tua nicchia di riferimento che hanno ottenuto risultati importanti. In questo modo i visitatori capiranno di trovare consigli veramente autorevoli (non quelli dell’ultimo arrivato).

Esempi: La strategia di blogging di Dario Vignali in 10 passi
10 Esperti di Web Marketing svelano come trovare nuovi iscritti spendendo pochi euro

  • usa domande che spingono il visitatore a leggere l’articolo. Molti blogger riscontrano che le domande nei titoli sono molto efficaci. Potrebbe essere dunque un buon modo per stimolare al curiosità. Scegli domande collegate all’obiettivo che i tuoi potenziali lettori cercano di conseguire.

Esempi: Perché nessuno legge i miei post?
Meglio contenuti corti o contenuti lunghi?

Ci siamo. Adesso conosci tutti gli 8 modi che uso personalmente per migliorare i miei titoli. Hai quel che basta per migliorare i titoli dei tuoi post. Ne conosci qualcun altro? Fammelo sapere nei commenti!

Nel frattempo, se ancora non l’hai fatto, puoi scaricare un’infografica con 23 titoli pronti per creare un post virale. La trovi qui sotto.

Tags: ,